1700
Con la diffusione della cultura razionalista e illuminista critica nei confronti di Dante anche nel 1700 la Divina Commedia continuò a non avere grandi consensi. Tra le edizioni settecentesche della Commedia sono da segnalare quella di Zatta del 1757, considerata tra le più lussuose e ricche mai stampate, e la Commedia illustrata da John Flaxman, che fu presa come modello di riferimento da molti artisti.